chi sono

Sono Maria Serena, ho insegnato letteratura italiana. Oggi scrivo e sono qui per riflettere, dialogare raccontare. I miei interessi sono rivolti alla comune condizione umana, anche quella raccontata dalla letteratura. Vorrei partecipare alla costruzione di un pensiero nuovo e diverso, fondato su radici antiche, che riconosca uguaglianza e giustizia a tutti.

venerdì 12 febbraio 2010

NET FIONDA E SASSI PAROLE di Mariaserena Peterlin

Può capitare che ci si senta dire che è più semplice sognare il futuro che affrontare il presenteIo penso invece che il futuro non si sogna, ma si costruisce nel momento stesso in cui abbiamo il coraggio di non piegarci al quieto vivere, al tanto peggio, al conformismo. Non ipotizzo una avversione astiosa o polemica nei confronti della realtà, ma proprio il contrario. Penso che ognuno possa essere se stesso e fare la sua parte senza adattarsi tacendo o attuando tattiche oblique.
Si sente anche dire anche che non si può andare all’assalto delle ingiustizie con una fionda.
Ma io ho stima dell'efficacia delle fionde e non smetterò mai di considerarne anche la purezza simbolica (sì ho scritto proprio purezza e lo ribadisco).
Ho ben sperimentata la pratica che agisce nel presente e risponde, ad esempio nella scuola, ai ragazzi, avversando il potere ogni volta che lo si vede applicato ottusamente anche con un  linguaggio che ne evidenzia tutto il peso brutale.

Non si vive davvero nel presente della vita senza guardare e pensare al futuro e modificando prospetticamente il presente.
La fionda è questo: la ribellione personale, quella che non attende l’assemblea dei  molti, né l’ammiccamento, né il consenso della cordata, né le garanzie di un negoziato; ma lancia la sua sfida e ci mette testa, cuore e faccia.
Con quella sfida la fionda si batte ed ottiene: lì ed adesso per il domani. 
Nella vita quotidiana possiamo già fare molto di più che lamentarci o adattarci. 
Molto, molto di più. 
Il dissenso è libero, come un sasso virtuale lanciato in una torpida rete e che ne moltiplica le oscillazioni e i segnali. Non è un’arma inutile. Ma forse bisogna imparare ad usarla.
Lancio con la mia fionda il sasso-parola nella rete, la fionda rincula e vibra; l’energia me ne è restituita, e certo non si disperderà.



Posta un commento