chi sono

Sono Maria Serena, ho insegnato letteratura italiana. Oggi scrivo e sono qui per riflettere, dialogare raccontare. I miei interessi sono rivolti alla comune condizione umana, anche quella raccontata dalla letteratura. Vorrei partecipare alla costruzione di un pensiero nuovo e diverso, fondato su radici antiche, che riconosca uguaglianza e giustizia a tutti.

lunedì 26 novembre 2007

VIOLENTI gli ADOLESCENTI ma PER BENE gli ADULTI?

Adolescenti violenti - Adulti perbene
Quanto mi innervosiscono gli adulti perbene che parlano con tanta gravità e assennatezza di adolescenti violenti, bulli ed estremi. Questa specie di neologismo "adolescenti estremi" classifica con enfasi compunta gli episodi raccontati su giornali, radio, tv e internet. Come se non bastasse ho sentito stasera una specie di giornalista sbarcata da non so dove che su La7 si dichiarava convinta assertrice della cattiveria dei bambini e dei ragazzi della nostra società. Ecco il bel prodotto culturale di questi trentacinquenni-quarantenni acidini che non generano per scelta e si innervosiscono se casomai si trovano alle prese con il problema dell'educazione. La suddetta citava sapientemente il libro Cuore, testo fondamentale(?), scambiando un libro per l'infanzia scritto negli anni dell'Italia monarchica e post-unitaria per un trattato pedagogico e tra l'altro identificava il protagonista buono del libro nel fanciullo Enrico scambiandolo con il vero eroe buono che è semmai il fanciullo Garrone. Il povero Franti è anche troppo facile classificarlo.
Ai suddetti adulti perbene, sterilmente sentenzianti, suggerirei di studiare bene i principali testi di pedagogia (almeno quelli dal settecento ai giorni nostri) e di considerare che se il problema dell'educazione ha sempre costituito un argomento su cui spendere fiumi di inchiostro e anni di studio allora vuol dire che non è un problema semplice si cui si possa autorevolmente pronunciarsi senza rischiare di scivolare sulle banane.
Suggerirei inoltre di rileggere Dickens, e di vedere se sia il caso si rimettersi ad usare le frustate e le nerbate: ... potrebbero funzionare
Suggerirei anche di provare A CONFRONTARSI con gli adolescenti, e di smetterla di giudicare, se non vogliono essere giudicati anche ... loro (anche perchè mi pare abbiano qualche difficoltà a dimostrare di avere buoni esempi da dare).
Suggerirei infine di rimboccarsi le maniche perchè, fino a prova contraria, i bambini e i ragazzi non creano modelli sociali... gli adulti si.


-->
Posta un commento