chi sono

Sono Maria Serena, ho insegnato letteratura italiana. Oggi scrivo e sono qui per riflettere, dialogare raccontare. I miei interessi sono rivolti alla comune condizione umana, anche quella raccontata dalla letteratura. Vorrei partecipare alla costruzione di un pensiero nuovo e diverso, fondato su radici antiche, che riconosca uguaglianza e giustizia a tutti.

giovedì 17 maggio 2012

Immaginare una proposta per la scuola è possibile?

Partendo da qui...

... ed anche a proposito di 

Un’idea per la scuola – Agenda Digitale Italiana 

Se consideriamo la scuola come una istituzione, un servizio, una società dove si stabiliscono relazioni sociali e si acquisiscono strumenti per apprendere e per fare esperienza (e potremmo aggiungere altro) dobbiamo anche ammettere anche che la scuola esiste in ragione del lavoro degli insegnanti e della partecipazione di studenti di ogni età.
Propongo un paradosso: teoricamente potremmo spogliare la scuola di tutto, e immaginare di far lezione sotto a un albero, senza libri né altro, seduti nel cortile della scuola (io l’ho fatto una volta, è bellissimo), ma se c’è un docente ed un gruppo di discenti allora possiamo dire che c’è già scuola.
Che senso ha questo paradosso? Per me è semplice: i discenti (in base ai loro bisogni) e i docenti (in base a quel che discende dal loro sapere e dalle loro pratiche sperimentate) devono essere ascoltati, loro sanno qual è il bene della scuola che è la loro vita.
E dal bene della scuola discende quello di molta parte di futuro.
Se i discenti e i docenti non possono, o non volessero esprimersi, allora ogni intervento del super-esperto-politico o tecnico sarà inutile e dannoso: loro riproporranno sol vecchie o vane categorie.
Abbiamo tuttavia un evidente problema.
Mentre se chiedessimo ai nostri ragazzi “come vorreste la vostra scuola” raccoglieremmo risposte di tutti i tipi (dalle provocazioni a quelle troppo seriose, ma anche di quelle buone) se lo chiedessimo ai docenti cosa ci risponderebbero?
Posso buttare là una risposta per gettare un sasso nel nostro amato stagno?
Risponderebbero: “Oggi come oggi è inutile qualsiasi proposta: con questi ragazzi e genitori cosa pretendi di fare? Con questa gente al governo (vale sempre) a che servirebbe perdere tempo, con quei 4 soldi che ci danno?”
Sono acida? Magari. Spero di essere smentita :
Una proposta che riguardi la scuola è possibile; penso a una proposta su cui impegnarsi e a cui penso in risposta a un post di Gianni Marconato  che su fB che chiede : “Mariaserena ti immagini una proposta [per la scuola] solida, autorevole sul piano tecnico, elaborata direttamente dagli insegnanti, senza mediazioni sindacali e partitiche .... E' chiedere troppo? Nell'epoca della rete, dei social network, si può fare? E' velleitarismo?”
E aggiungo: per farla io vedo bene (lo so sono visionaria, ma la visione ci vuole) un grande forum nazionale/europeo che raccolga anche le voci dei network e le organizzi per categorie di problemi.
Se non si pensa in grande, se non cerchiamo questa proposta, se non siamo in grado allora è giusto che ci teniamo quello che abbiamo e si stia zitti.
Idee forti ce ne sono, girano in rete; si tratta di organizzarle noi: basta deleghe!
La realtà non ci aiuta? Aiutiamoci da soli.
Posta un commento